Incendio a Londra, i volti del dramma: mamma fugge con 6 figli. Ne salva 4 (I VIDEO)

Le fiamme. Le urla disperate. Il panico e un solo pensiero: mettere in salvo i bambini, anche a costo di lanciarli dalla finestra. Qualunque cosa, anche la più a rischio pur di scampare al fuoco, al fumo, alla morte certa. E così, come sempre accade in queste tragedie che media e social seguono minuto per minuto, ancora una volta, stavolta da Londra, arrivano i casi, le storie: quelle che, se possibile, aumentano la portata dell’orrore, del dolore, dello sgomento.

Incendio a Londra, mamma salva dalle fiamme 4 figli su 6

E allora, tutto si consuma nel giro di pochi, terribili attimi: siamo al 21° piano di quello che ormai è un inferno  di fiamme e di fumo, e una mamma di sei figli, con piccoli al seguito, scappa forsennatamente nel disperato tentativo di mettere tutti in salvo. La corsa per le scale invase da fumo e lingue di fuoco, con la gola secca, i polmoni intossicati, e sullo sfondo le urla che provengono da ogni dove di quell’inferno di cristallo che è ormai la Grenfell Tower di Londra. Così, quando correndo disperatamente giù per i pianerottoli, verso la salvezza, questa madre coraggio pensa di avercela fatta, di aver salvato i suoi piccoli terrorizzati, storditi dal fumo, lambiti dalle fiamme, la terribile scoperta: in quella fuga per lasciarsi orrore e  morte alle spalle, due dei figli sono rimasti indietro. E l’attimo di sollievo si trasforma immediatamente in disperazione cieca e nulla può contro quel dolore lancinante: neppure la consapevolezza di aver salvato 4 dei suoi 6 bambini.

I vigili del fuoco: non sappiamo quanti siano i dispersi

Ora, via via che passano le ore, le speranze di ritrovarli vivi si affievoliscono sempre di più. Intanto, da quel fronte di fuoco, la corsa contro il tempo per cercare di trovare qualcuno alcuno in vota riduce i suoi spazi: e secondo quanto riferiscono i pompieri incessantemente al lavoro da due giorni ormai, non è ancora chiaro quale sia il numero dei dispersi a seguito dell’incendio alla Grenfell Tower. Non solo. Il capo dei vigili del fuoco, Dany Cotton, parlando con la Bbc, ha spiegato: «Non sappiamo quanto persone ci fossero nell’edificio. Ci sono delle persone che vivevano da sole, per cui non siamo sicuri se fossero in casa o fuori» al momento dell’incendio. E ci sono persone date per disperse che potrebbero essere trovate nei centri di accoglienza o negli ospedali – ha continuato –. Appena possiamo entreremo nell’edificio per una ricerca accurata».