Il boss Graviano intercettato in cella: “Berlusconi mi chiese questa cortesia”

Berlusca mi ha chiesto questa cortesia… per questo è stata l’urgenza di… come mai questo qua, poi che successe, ero convinto che Berlusconi vinceva le elezioni in Sicilia, Berlusconi…”. E’ quanto dice, senza sapere di essere intercettato, il boss Giuseppe Graviano, detenuto in carcere a un altro detenuto, Umberto Adinolfi, il 10 aprile del 2016. Gli atti delle intercettazioni sono adesso finiti nel dibattimento per la trattativa tra Stato e mafia

Poi aggiunge: ”Nel ’92 già voleva scendere… voleva tutto, ed era disturbato, perché era… acchianavu (sono salito, ndr)… nei… con quello…”. “La popolazione era innamorata – continua Graviano – Lui mi ha detto: ci vorrebbe una bella cosa. Questi discorsi tra me e te”, si raccomanda con Adinolfi.

I verbali sono stati trasmessi dai magistrati della Dda di Palermo, attraverso la Diezione nazionale antimafia, alle procure di Caltanissetta e Firenze, che coordinano le inchieste sulle stragi mafiose del ’92 e ’93.