«Grazie, avete estirpato il cancro lampedusano». Scritte contro Giusi Nicolini

mercoledì 14 giugno 11:08 - di Fortunata Cerri

«Grazie, avete estirpato il cancro lampedusano». È una delle scritte apparse su alcuni muri di Lampedusa all’indomani della sconfitta di Giusi Nicolini, la sindaca, superata alle amministrative dall’imprenditore Salvatore Martello, eletto al primo turno. Le offese all’ex sindaca, apparse in diverse strade dell’isola delle Pelagie, sono state cancellate subito da alcuni abitanti. Subito dopo la sconfitta, Giusi Nicolini, intervistata aveva detto a caldo: «Abbiamo creduto che fosse necessario andare avanti e invece si è deciso di tornare indietro. È possibile che non siamo stati capaci di far comprendere ai nostri concittadini tutto questo». E ancora: «È molto più probabile che la legalità, la sostenibilità ambientale, il forte cambiamento impresso nell’azione amministrativa, abbiano ottenuto il risultato di compattare interessi che vogliono ostacolare il futuro diverso che stavamo costruendo. Lo vedremo, lo vedranno». E nella notte le scritte contro l’x sindaca che in questi giorni ha ricevuto la solidarietà di molti politici, soprattutto del Pd, tra cui il segretario Matteo Renzi, ma anche semplici cittadini. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *