Gran Bretagna, 27 grattacieli a rischio incendio come la Grenfell Tower

La Gran Bretagna si scopre fragile non solo dal punto di vista del terrorismo ma, anche, per quel che riguarda la sicurezza antincendio dei suoi edifici. Un tema connesso, in qualche maniera, anche al rischio terrorismo. Ma non solo. Dopo il disastro della Grenfell Tower, ora l’Inghilterra corre ai ripari e ricontrolla, con maggior scrupolo, tutte le sue strutture più delicate, in particolare i grattacieli scoprendo così che vi sono ben 27 altissimi edifici, situati in 15 diverse zone dell’Inghilterra, che non hanno superato i test di sicurezza antincendio relativi ai rivestimenti esterni. Proprio lo stesso problema sofferto dalla Grenfell Tower.

E’ stata la Bbc a rivelare la questione ricordando che venerdì sera il consiglio di Camden ha deciso – prima autorità locale a farlo – di evacuare, per timori legati alle conseguenze di eventuali incendi, i residenti di cinque palazzi, poi scesi a quattro dopo che i dubbi sono rientrati per uno degli stabili presi in esame.

Il Consiglio ha annunciato di non aver altra scelta se non quella di trasferire i residenti di circa 650 appartamenti in attesa che vengano fatti lavori di adeguamento. Una parte delle persone coinvolte ha fatto sapere che non intende lasciare la propria abitazione. Il Consiglio di Camden ha annunciato che rimuoverà tutti i rivestimenti termici dagli edifici individuati e condurrà prove anti-incendio per rassicurare i residenti.

Georgia Gould, a capo del Consiglio, ha riferito che i vigili del fuoco di Londra hanno completato un’ispezione dei complessi residenziali con esperti tecnici. Altre zone citate tra quelle coinvolte nelle ispezioni e dove sono emersi problemi sono Manchester, Plymouth e Hounslow.