Francia, una task force anti-terrorismo guiderà i servizi segreti

La Francia riorganizza i servizi di informazione per «dare nuova forza alla strategia antiterrorismo». Il Consiglio di difesa ha convalidato una bozza di decreto per la creazione di un Centro nazionale anti-terrorismo (Centre national du contre-terrorisme, Cnct), task force composta da una ventina di analisti provenienti dai ministeri dell’Interno, della Difesa, della Giustizia e dell’Economia che avrà una missione di «guida strategica» al più alto livello.

La task force avrà la supervisione delle informazioni

L’Eliseo, si legge su Le Figaro, precisa che il Centro «non dovrà in alcun modo farsi carico della guida operativa dei servizi o delle loro azioni: la task force avrà solo un ruolo di supervisore per assicurarsi che l’informazione circoli». Il Centro sarà posto sotto l’autorità del prefetto Pierre Bousquet de Florian, figura nota all’interno della comunità di intelligence. Già a capo della Direction de la surveillance du territoire (Dst) dal 2002 al 2007, verrà nominato il prossimo 21 giugno in Consiglio dei ministri e parteciperà ogni mercoledì ai Consigli della Difesa di cui diventerà membro di diritto.

Lo stato d’emergenza prorogato fino al 1 novembre

Chiamata a restare in funzione “h24”, la task force avrà anche il compito di «dare l’allerta generale» e di «mobilitare tutti gli attori» in caso di attentati e decidere della sorte dei «combattenti che tornano dai teatri all’estero» soprattutto Siria e Iraq. Oltre a Pierre Bousquet de Florian, il Consiglio di difesa ha confermato le nomine di Laurent Nunez, prefetto di polizia di Marsiglia, a capo della Direzione generale della sicurezza interna (Dgsi) e di Bernard Émié, ambasciatore di Francia in Algeria, a capo della Direzione generale della sicurezza esterna (Dgse). Il Consiglio ha quindi approvato la data del 1 novembre per la fine dello stato di emergenza, una proroga che dovrebbe consentire al parlamento di discutere di un nuovo progetto di legge antiterrorismo per garantire la sicurezza dei cittadini francesi.