Francia, maggioranza schiacciante per Macron. Le Pen ferma al 13 %

En Marche, il movimento del presidente Emmanuel Macron, si attesterebbe intorno al 32,6% alle elezioni legislative in Francia, pari  a un minimo di 415 seggi, maggioranza schiacciante poiché l’Assemblea nazionale ha 577 seggi. Secondo gli exit poll, alle spalle di En Marche ci sono Les Républicains al 20,9% (80-100 seggi) il Front National al 13,1% (da 1 a 4 seggi), la France Insoumise di Mélenchon all’11% e il partito socialista tra l’8 e il 9%. Secondo le prime proiezioni dell’istituto Elabe per BFM TV il partito di Marine Le Pen, che considerava un risultato negativo non arrivare a 15 deputati per poter formare un gruppo parlamentare, ne otterrebbe appunto fra 1 e 4.Si tratta del primo turno delle elezioni legislative. Si rinnovano i 577 deputati dell’Assemblée Nationale con uno scrutinio uninominale maggioritario a due turni. In ognuna delle 577 circoscrizioni in cui è divisa Emmanuel Macron ha dunque vinto la sua seconda scommessa, dopo l’Eliseo alla soglia dei 40 anni conquista anche Palais Bourbon, il Parlamento. Con una maggioranza assoluta di deputati dell’Assemblea che non si vedeva dai tempi di de Gaulle, Macron marcia ora con le migliori premesse. Infatti per far approvare una legge basterebbero 289 deputati; Macron ne avrà oltre 400. Se la Le Pen è delusa, a sinistra stanno peggio: Mélenchon non è riuscito a capitalizzare il buon risultato al primo turno delle presidenziali. E adesso, la gauche radicale alleata con i comunisti, rischia di prendere solo pochissimi seggi. Solo politico, infine, il risultato non soddisfacente del Front National, che raccoglierebbe meno di 15 deputati ma porterebbe in parlamento per la prima volta la sua leader Marine Le Pen.