David Lynch a Lucca per la serie Twin Peaks trova il tempo per meditare…

Meno ansia e meno stress, più capacità di attenzione e di concentrazione, generale aumento del benessere psico-fisico: da sempre, la pratica della meditazione – nelle sue diverse forme – è associata a questi benefici. Ma è possibile quantificare e dimostrare scientificamente gli effetti di questa tecnica dalle radici antichissime e sempre più diffusa a livello mondiale? Da qualche mese la Scuola Imt di Lucca ha attivato un progetto di ricerca mirato proprio a capire e analizzare gli effetti sulla struttura e la funzionalità del cervello in chi pratica la meditazione e in particolare la meditazione trascendentale. Testimonial del progetto, denominato ”Quiet mind – Meditate Lucca”, è il regista statunitense David Lynch che con la sua fondazione è impegnato in prima linea a diffondere questa tecnica. Grazie a lui nel 2014 proprio a Lucca è nata la prima esperienza italiana di meditazione trascendentale applicata alla scuola, che vede protagonisti studenti e docenti dell’Istituto superiore ”Pertini”.

Lynch, che in questi giorni è in città – ospite del Lucca Film Festival – per presentare in anteprima mondiale i nuovi episodi della serie “Twin Peaks”, ieri è stato invitato alla Scuola Imt dove ha partecipato a un incontro durante il quale gli sono stati presentati il progetto e il gruppo di ricerca coinvolto. Ad accoglierlo, il direttore della Scuola Imt, Pietro Pietrini, Emiliano Ricciardi, professore di psicobiologia e psicologia fisiologica e coordinatore di ”Quiet mind – Meditate Lucca”, e Marcello Bertocchini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca che insieme alla Lynch Foundation finanzia il progetto. Con loro anche la dirigente dell’Isi ”Pertini”, Daniela Venturi, Fatima Franco, collaboratrice di Lynch e rappresentante in Italia della David Lynch Foundation, e i partecipanti al gruppo di ricerca.