Con borse “invisibili” rubano abiti per 600 euro, ma la telecamera le incastra

Le hanno trovate grazie alle riprese video e poi le hanno arrestate. Così sono finite in manette due donne peruviane di 43 e 38 anni, che avevano rubato vestiti per circa 600 euro in un negozio in viale Eritrea, a Roma. Le due, con vari precedenti di polizia, sono accusate di furto aggravato. Ma si cerca anche un terzo complice, che avrebbe fatto da palo,

Gli abiti nascosti in borse invisibili all’anti-taccheggio

Le due hanno nascosto i capi di abbigliamento all’interno di una borsa appositamente schermata, in modo da eludere i controlli antitaccheggio. Il sistema di videosorveglianza, però, le ha registrate mentre, dopo essersi appartate in un angolo del negozio, hanno iniziato a rubare la merce.  Intanto, un terzo complice, in corso d’identificazione, distraeva la commessa. Dopo aver messo insieme il bottino, le due hanno abbandonato il negozio, consapevoli che il sistema antitaccheggio non si sarebbe attivato. Non avevano tenuto conto, però, delle riprese video, che hanno consentito agli investigatori del commissariato Vescovio di identificarle. Proseguono le indagini per individuare il terzo complice nonché il nascondiglio della refurtiva. Inoltre, sono in corso ulteriori accertamenti per verificare il coinvolgimento delle due denunciate in furti simili commessi in zona.