“Cibo Nostrum”, festa di un’eccellenza italiana: la cucina (e i cuochi)

Si svolgerà dall’11 al 13 giugno prossimi tra Zafferana Etnea e Taormina la VI edizione di Cibo Nostrum, la Grande Festa della Cucina Italiana, organizzata dalla Federazione italiana cuochi che quest’anno registra l’adesione di 150 chef  provenienti da tutte le regioni d’Italia. L’evento avrà il suo clou nel pomeriggio di lunedì 12 giugno quando, alle ore 18 e per tutta la sera, i 150 chef, con altrettanti cooking show previsti lungo il corso Umberto di Taormina, proporranno le loro ricette a migliaia di visitatori. Almeno 90 le aziende dell’agroalimentare protagoniste assieme a 50 tra le più importanti cantine siciliane. Previsti nel programma anche convegni, workshop, sette laboratori tematici dedicati al pesce azzurro, il tutto in collaborazione con il ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ed il Feamp 2014-2020. Anche quest’anno, ricorda la Federazione italiana cuochi, l’evento è a scopo benefico ed il ricavato andrà devoluto alla Fondazione Limpe Onlus di Messina per finanziare la ricerca sul morbo di Parkinson. Gli organizzatori Fic, inoltre, saranno affiancati dai cuochi del Dipartimento solidarietà emergenze (Dse) della Federazione. Tra i prestigiosi ospiti anche lo chef Fic e volto noto Rai Alessandro Circiello, che realizzerà cooking show dedicati ai più piccoli, accompagnato dalla presentatrice di Rai Gulp Anna Maria Baccaro. ”Siamo orgogliosi di annoverare tra gli eventi nazionali della nostra Federazione anche Cibo Nostrum – dichiara il presidente FederCuochi Rocco Pozzulo – e siamo consapevoli che un simile evento è un valore aggiunto per l’Italia non solo gastronomica, ma anche per i comparti del turismo, dell’economia, delle produzioni alimentari”. ”Il nostro grazie – aggiunge il presidente del Cuochi Etnei e organizzatore dell’evento Seby Sorbello – va a tutte le aziende partner Fic che ci sostengono in tutti i nostri eventi nazionali, consolidando il nostro rapporto di fiducia e di collaborazione”.