Bucci, saluti romani a Genova: la sinistra va in tilt. È paura di perdere?

Evidentemente devono davvero pensare che a Genova la partita è persa. Non altrimenti si spiega l’ultima, ridicola uscita dei sostenitori del candidato di centrosinistra Gianni Crivello che, per mettere in cattiva luce Marco Bucci (il sindaco proposto dal centrodestra) stanno facendo circolare su Fb la foto di un presunto sostenitore di Marco Bucci che, durante un dibattito, si esibisce in un saluto romano. Il fattaccio è accaduto durante il confronto tra Crivello e Bucci organizzato dal quotidiano genovese Il Secolo XIX.  Ora la foto (dove peraltro si vede anche un altro partecipante che saluta a pugno chiuso…) viene diffusa dal gruppo “Genova che osa” corredata dal seguente slogan: “Fascisti! Saluti romani da parte dei sostenitori di Bucci. Condividi, smascheriamoli!”. Ecco, quando si rispolverano questi espedienti propagandistici, significa che la sinistra se la sta vedendo proprio brutta. 

Per chi non lo sapesse Bucci ha un profilo del tutto estraneo alle dinamiche fascismo-antifascismo: 58 enne amministratore unico della società regionale Liguria Digitale dal 2015, è sceso in campo per il centrodestra unito. Una vita di esperienza da manager internazionale, Bucci è laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutica all’Università di Genova e si è specializzato nelle Università di Minnesota e Michigan. Tra gli incarichi ricoperti quello di presidente di Carestream Health Inc. a Rochester negli Usa e poi la vicepresidenza di SGS a Ginevra e il ruolo di Ceo in Eastman Kodak Company tra Genova e New York. Vicino al segretario ligure della Lega Nord, a sostenere la sua candidatura c’è il centrodestra unito su modello di quello alla guida della Regione Liguria con la Lega ed anche Forza Italia, Fratelli d’Italia, Direzione Italia di Raffaele Fitto. Tre le tre filiere principali della sua campagna elettorale: turismo, logistica porti e l’industria attraverso l’alta tecnologia e sicurezza. Tra le priorità per il rilancio della città quello del lavoro..