Bimbi dimenticati in auto: studenti torinesi inventano app (video)

Un telefonino e un sensore applicato al seggiolino auto del proprio bambino : un’app semplicissima, ma geniale che potrebbe evitare casi di cronaca strazianti come quello del piccolo di 18 mesi morto ad Arezzo perché dimenticato in auto dalla mamma, solo l’ultimo purtroppo di una lunga serie. Basta scaricarla e si attivera’ suonando come una sveglia nel caso in cui ci si allontanasse dall’auto, dimenticando il bambino
Ad ideare questa applicazione che si chiama We Drive due studenti torinesi appena diciottenni del 4 anno dell’istituto avogadro: si chiamano Lorenzo Bergadano e Gionatan Cernusco: i questi due giovani geni dell’informatica e «hanno sviluppato questa idea completamente da soli – racconta la professoressa di informatica Emanuela Mormile – hanno addirittura girato uno spot pubblicitario, con il coinvolgimento dei loro familiari»