Vaccini, Lorenzin: «Una settimana per varare il decreto. Gentiloni è con me»

La «volontà» è «votare il decreto» sull’obbligo dei vaccini per l’iscrizione alla scuola elementare «entro la prossima settimana». A precisarlo è stata il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, dopo le polemiche scaturite dal suo annuncio e i paletti posti dalla titolare dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che aveva parlato della necessità di garantire «al contempo anche il diritto costituzionale all’istruzione». 

Il decreto sui vaccini all’attenzione del Cdm

«Come annunciato ieri, ho presentato all’attenzione del Consiglio dei ministri il testo base di decreto legge sull’obbligo vaccinale nelle scuole», ha detto Lorenzin al termine del Consiglio dei ministri, aggiungendo che «durante la seduta ho avuto conferma dal presidente Paolo Gentiloni circa la volontà di avviare subito un approfondimento collegiale, che è già iniziato tra i tecnici della Salute, del Miur e della presidenza del Consiglio, per arrivare a varare il decreto entro la prossima settimana». «Diamo tutti insieme una risposta concreta alla popolazione per la tutela della loro salute, dei loro figli e delle famiglie a fronte del drammatico calo della copertura vaccinale», ha concluso Lorenzin.

Le «sconcertanti» divisioni all’interno del governo 

Dopo l’annuncio di Lorenzin sulla volontà di presentare il decreto, Valeria Fedeli aveva opposto dei paletti parlando di «due diritti, quello alla salute e quello all’istruzione, che devono essere entrambi garantiti». Poi il ministro ha aggiustato il tiro dicendo di aver «sempre detto che sono favorevole all’obbligo di vaccinazione» e di aver «molto apprezzato il richiamo al coordinamento e alla collegialità con cui Paolo Gentiloni ha aperto il Consiglio dei ministri». Il precedente botta e risposta con Lorenzin aveva però già fatto emergere le sensibilità diverse in seno al governo su un tema tanto delicato. «Trovo sconcertante che il governo si divida su un tema di sicurezza e di salute pubblica, dove deve essere la comunità scientifica e medica a dire cosa fare e cosa no», ha commentato il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, sottolineando che «quello dei vaccini obbligatori è un tema che non può vedere la politica scissa in fazioni. Vedere il governo, i ministri Fedeli e Lorenzin litigare, sconforta come cittadino prima ancora che come politico».