Salvini, nuovo veto ad Alfano. E a Bossi dice: «Fai come ti pare»

Spera che Umberto Bossi non esca dal partito, ma poi – precisa – «faccia quello che ritiene». Punta ad avere «una alleanza il più seria e larga possibile», ma se Silvio Berlusconi «vuole le mani libere, non so cosa farci». All’indomani delle primarie della Lega, dove ha ottenuto l’82,7% dei consensi, Matteo Salvini dice che ora «si chiude il capitolo di un uomo solo al comando», ma fissa anche dei paletti molto precisi su quale corso e quali compagni di viaggio debba avere il Carroccio. «A livello politico nazionale e regionale la scelta passa da me: dove c’è Alfano – ha chiarito – non c’è la Lega».

Salvini conferma la «linea lepenista»

«Con ieri si chiude il capitolo di un uomo solo al comando e di chi dice che la linea lepenista non ci piace», ha spiegato Salvini, aggiungendo che «è evidente che è stata avvalorata la battaglia sovranista, federalista e identitaria della Lega». «Sovranismo e federalismo vanno dalla stessa parte», ha proseguito il segretario del Carroccio, sottolineando che «il popolo della Lega si è espresso» e «la prossima volta faremo in modo che si esprimano tante persone in più». «Non cambio nome né camicia. A me interessa il progetto», ha poi aggiunto Salvini, spiegando che «da qui a domenica», giorno del congresso a Parma, «traccerò il percorso» e che «da oggi la missione del segretario della Lega è dare un occhio a tutti i numeri per aprire, coinvolgere e tagliare i rami secchi: non ci interessano i militanti che non sono mai venuto a Pontida o le truppe di cartone».

Bossi «faccia quello che ritiene»

Ed è proprio facendo riferimento al fatto che «ha parlato il popolo della Lega», che Salvini ha detto di augurarsi che Bossi non lasci il partito. «Se avessi perso io, ne avrei tratto le conseguenze e sarei tornato a fare il militante». «A Bossi porto e porterò sempre riconoscenza. Se vuole bene alla Lega, legga i numeri e ci aiuti a dare battaglia», ha proseguito, precisando però che «non posso mettere il guinzaglio a nessuno». Quanto al timore che ci siano contraccolpi in termini di perdita di militanti, poi, il segretario del Carroccio ha mostrato sicurezza: «Non solo mi auguro che nessuno esca, ma sono anche sicuro che tanti altri arriveranno. Se qualcuno ha fatto accordi politici con qualcun altro, faccia quello che ritiene». 

«FI incoerente su alleanze e proporzionale»

Anche nei confronti di Berlusconi l’atteggiamento è simile: bene se si riesce a stare insieme, ma non a tutti i costi. «Lavoro per vincere e avere una alleanza il più seria e larga possibile. Questo significa volere una legge elettorale maggioritaria, che ti porti a fare una coalizione e a vincere o perdere», ha precisato Salvini, dicendo che «il maggioritario lo voto con chiunque, anche con il mago Merlino». Mentre «Forza Italia è incoerente», perché «parla di alleanze e poi parla di proporzionale». Per il leader del Carroccio «è legittimo, ma se Berlusconi vuole le mani libere, per poi magari allearsi il giorno dopo con Renzi, non so cosa farci». 

«Dove c’è Alfano non c’è la Lega, anche in Lombardia»

Strada certamente preclusa, invece, a una alleanza con Angelino Alfano, tanto a livello regionale quanto a livello nazionale. «A livello locale ho lasciato libertà di scelta, ma a livello politico nazionale e regionale la scelta passa da me: dove c’è Alfano non c’è la Lega», ha ribadito Salvini, spiegando che per quanto riguarda le prossime regionali in Lombardia, «sicuramente Maroni condividerà quello che condividemmo con Luca Zaia che governa senza gli amici di Renzi e con una maggioranza schiacciante». «Non si può fare una cosa a Roma è una qui», ha sottolineato ancora il segretario del Carroccio, per il quale «chi sta reggendo il moccolo a Renzi e alla Boschi non può essere alleato della Lega, in competizioni nazionali e regionali».