Roma piegata dal maltempo: FdI: “Ora sarà ancora colpa della destra?”

“Ancora una volta disagi in città durante un normale acquazzone ma è apparso evidente a tutti che se nei mesi scorsi fosse stata fatta un’adeguata manutenzione di caditoie e chiusini, oggi i romani si sarebbero risparmiati allagamenti e strade chiuse. La giunta Raggi non ha scusanti perché trattasi di ordinaria manutenzione che in quasi un anno di amministrazione non sono stati in grado di programmare”. Lo dichiara Federico Rocca responsabile romano enti locali Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale. “Oggi sicuramente non potranno dare la colpa a Romolo e Remo o gridare al complotto della lobby dei tombini. E’ ora di mettere da parte scusanti e alibi e di iniziare a governare Roma, gli annunci e i buoni propositi non bastano più”, conclude. “Dopo il violento nubifragio della notte, sono riaffiorati tutti i problemi irrisolti di questo quadrante cittadino tra caditoie otturate e alberature in uno stato assolutamente precario. Intere le zone allagate da via Leone XIII, passando per via del Casaletto, Bravetta fino ad arrivare a via di Brava, mentre si è sfiorata la tragedia su via Gianicolense dove la caduta di un albero ha travolto un autoveicolo, con due feriti e bloccando per ore la circolazione anche del tram 8”. Così in una nota il capogruppo di Fratelli d’Italia al Municipio XII Giovanni Picone e Marco Giudici, vicepresidente del consiglio. “Quello di oggi è senza dubbio il fallimento del piano straordinario di pulizia delle caditoie di Ama di fine 2016, ma anche il primo appuntamento mancato con una vera emergenza maltempo di chi si era presentato agli elettori con la volontà di gestire l’ordinario e non più le emergenze”, concludono.