Rogo di Casella, un mese dopo muore anche il padre del piccolo Giuseppe

Era ricoverato in ospedale dallo scorso 22 aprile per le ferite riportate nell’incendio che ha distrutto la sua abitazione e nel quale ha perso la vita anche suo figlio, il piccolo Giuseppe Fraietta, di soli otto anni.

Ora è morto anche papà Alessio, 47anni, l’uomo che nel disperato tentativo di mettere in salvo suo figlio si era attardato nell’appartamento in fiamme, al secondo piano di una palazzina di via Mandelli nel pieno centro di Casella (Genova).  L’uomo è morto a quasi un mese di distanza dal rogo. Era uscito per ultimo da quella casa, con il figlio in braccio, passando da una finestra dalla quale aveva tentato di passare il bambino ai soccorritori. Aveva riportato ustioni sul 20% del corpo ed era ricoverato in ospedale. Nel disastro era rimasta ferita anche la moglie, Enza Sansone, seppure in modo meno grave.

All’arrivo, i soccorritori avevano trovato il bambino di otto anni fasciato in una coperta. I genitori lo avevano lanciato dalla finestra per poi lanciarsi nel vuoto anche loro per salvarsi dalle fiamme.