Primarie Lega, Salvini stravince con l’82,7%: “Ho preso più voti di Renzi”

Matteo Salvini stravince le primarie della Lega nord e si riconferma segretario del Carroccio con l’82,7% dei voti, lasciando lo sfidante Gianni Fava al 17,3%. “Una sola parola: grazie – posta in tempo reale su Facebook – Abbiamo abbondantemente superato l’80% dei voti! Ora l’obiettivo è mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l’invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia. Se voi siete pronti, io ci sono. Insieme si vince!”. Poi, parlando con i giornalisti, scherza: “Mi sono tolto la piccola soddisfazione di aver preso più voti di Renzi“.

Poi la frecciata contro l’ex-segretario Bossi che da tempo lo dileggia.

“Hanno vinto i militanti. Bossi? Faccia i conti con loro e con la sua coscienza”. Così il riconfermato leader della Lega, pochi minuti dopo la sua riconferma a segretario, commenta le dichiarazioni del Senatur, che oggi, andando a votare per le primarie, aveva detto di sperare nella vittoria di Fava, “perché se vince Salvini e la porta al Sud la Lega è finita”.
A chi gli chiedeva se fosse pronto a lasciare il Carroccio in caso di vittoria netta di Salvini, Bossi aveva risposto che “ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi che hanno messo assieme un partito abbastanza grande, attorno a Roberto Bernardelli: io potrei valutare la situazione, sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord”. “Ma prima – ha concluso – vediamo i dati”.
“Non ho tempo da perdere con nostalgici e reduci”, gli ha replicato Salvini. Che poi, rispondendo ai cronisti che lo interpellano in merito ha aggiunto: “Io non caccio nessuno”.

Circa 15.000 i militanti della Lega Nord che erano chiamati a scegliere il segretario federale fra l’uscente Matteo Salvini e lo sfidante Gianni Fava, sostenuto da Bossi e Maroni.

Con la vittoria alle Primarie di oggi “viene confermato un progetto con cui la Lega vuole portare sicurezza e autonomia in tutta Italia”, ha detto Salvini arrivando ad una festa della Lega Nord per festeggiare la conquista del suo secondo mandato da segretario. Salvini ha spiegato ai giornalisti che continuerà a portare “da nord a sud” la sua proposta, sottolineando che “le emergenze sono l’immigrazione e il lavoro“.