Minaccia Isis: spunta l’ipotesi dei metal detector sulle spiagge italiane

L’allarme scattò lo scorso anno, grazie a un articolo allarmistico del quotidiano tedesco Bild, che citava i servizi segreti italiani e quelli tedeschi. «Terrorismo pianificato sulle spiagge», scriveva il giornale in apertura, parlando di possibili kamikaze travestiti da venditori ambulanti pronti a farsi esplodere sulle spiagge europee, in particolare quelle di Italia, Spagna e Francia del sud. Il dibattito sulle misure di sicurezza da prendere, alla vigilia delle vacanze estive, si è ovviamente riaperto. Al punto che qualcuno, in Liguria, ha ipotizzato l’utilizzo di metal detector in spiaggia.

Allarme Isis in spiaggia

A Genova alcuni stabilimenti balneari hanno scelto di installare telecamere, principalmente per mettersi al sicuro da episodi di microcriminalità più che nel timore di attacchi terroristici. «Alcuni si sono dotati di queste installazioni – spiega Gianni Bazzurro, titolare dello stabilimento Sporting Club di corso Italia e rappresentante dei balneari genovesi – ma questo serve per l’accertamento di episodi ex post e non per un uso preventivo. Poi le telecamere possono avere anche questa motivo. Noi avendo in affidamento un bene comune e una zona dove abbiamo una vasta aggregazione di persone siamo un’appendice. I bagnini, corpo della protezione civile, in Italia a differenza di altri paesi europei non hanno alcuna autorità. Per quanto riguarda la funzione pubblica, ci sono diverse carenze nella normativa nazionale. Anche nei confronti dell’abusivismo possiamo intimare ad un soggetto di non commettere fatti illeciti nell’ambito della nostra concessione demaniale, ma non abbiamo nessun tipo di potere salvo quello di informare”.

I metal detector sulle spiagge? «Mi sembra eccessivo – conclude Bazzurro – non abbiamo un timore specifico di questo tipo di attacchi. Io la penso in un modo: se volessero compiere atti di questo genere, legati al terrorismo, non basterebbe certo questo a proteggere. Certamente una cosa utile è la conoscenza del territorio, la specificità dei balneari è quella di rendersi subito conto se le persone che si hanno di fronte sono propri clienti, turisti, o altro. Dopo tanti anni di gestione di un patrimonio pubblico in particolare, e noi l’abbiamo intuito già in altre situazioni. Penso al G8. Abbiamo avuto un gruppo di persone che potevano dimostrarsi possibili violenti. Siamo riusciti a gestirli e poi, in realtà, si sono allontanati da soli».