Meloni: “L’Italia non è la Francia. Silvio? Spero non sia macroniano…”

Berlusconi intelligentemente ha scelto di non schierarsi con Emmanuel Macron prima delle elezioni francesi. Spero che non voglia diventare macroniano oggi. In ogni caso l’Italia non è la Francia: qui ci sono le condizioni per trovare una sintesi tra sovranismo e popolarismo in quello che noi di Fratelli d’Italia chiamiamo sovranismo di governo”. Così Giorgia Meloni, leader di Fdi, a Lecce per la candidatura a sindaco di Mauro Giliberti. “Certo bisogna volerlo – conclude la parlamentare – e speriamo che invece non si prediligano quelle larghe intese che tanto vanno di moda oggi in Europa”. “In Francia con Macron vince la paura di cambiare, vince la continuità. E non è una buona notizia perché se non sappiamo come sarebbe stato il futuro con Marine Le Pen sappiamo per certo che il futuro con Macron sarà un futuro nel quale nulla cambia rispetto al passato”, ha poi aggiunto la leader di Fratelli d’Italia. “Lo dimostra il fatto che la prima tappa europea di Macron da presidente della Francia sarà Berlino, dove andrà a baciare la pantofola di Angela Merkel. Come già fece Renzi prima di lui con i risultati che conosciamo”, conclude la parlamentare.