Manchester, l’Isis fa strage di ragazzi e bambini: 22 morti, decine di feriti (video)

Una strage, provocata probabilmente da un terrorista dell’Isis che si è fatto esplodere al termine del concerto di Alice Grande, a Manchester, facendo 22 morti e almeno sessanta feriti. Terrorismo, è questa l’unica pista battuta, ma non c’è ancora la conferma ufficiale dagli inquirenti britannici, che però ha parlato di un attentatore “che aveva con sé un dispositivo che ha fatto detonare”. È il peggiore attentato nel Regno Unito dal 7 luglio del 2005 quando una serie coordinata di attacchi suicidi, portati a compimento da 4 terroristi islamici britannici, uccise 52 persone lasciando in terra 700 feriti. 

Tra le vittime, ha spiegato il capo della polizia, ci sono bambini. Al momento gli inquirenti ritengono che l’uomo abbia agito da solo nell’attacco, ma si sta indagando per verificare se avesse alle spalle una rete di complici. La polizia di Manchester non ha fornito il nome dell’uomo identificato come l’attentatore suicida, e non ha neanche confermato se fosse un cittadino britannico. La polizia ha esortato la stampa a non “fare speculazioni sulla sua identità o fare circolare nomi“. “Questa è un’inchiesta complessa ed ampia ancora in corso”, ha aggiunto facendo capire che gli inquirenti non vogliono compromettere le indagini in corso diffondendo l’identità dell’attentatore. 

Un’esplosione terribile a Manchester, panico in strada

La deflagrazione è avvenuta nel foyer, poco lontano dalla biglietteria, mentre gli spettatori stavano iniziando a lasciare l’area, tra le più grandi in Europa, che ha una capienza di circa 20mila persone. E ieri sera, per Ariana Grande, era affollata di giovanissimi. In pochi minuti è stato il panico, con centinaia di persone che urlavano, cercando una via di fuga, come mostrano i video pubblicati sui social. La folla si è subito riversata in strada, mentre arrivavano i primi soccorsi. Tante le testimonianze dei presenti, per lo più confuse. “Ariana aveva appena finito di cantare e stava lasciando il palco – ha raccontato un testimone alla Cnn – Mi sono guardando intorno perché ho sentito un boato, e poi tanta gente che urlava e piangeva e si riversava verso l’uscita, per allontanarsi dall’arena”.

All’inizio si è parlato di due esplosioni, ma poi la polizia ha fatto chiarezza, specificando che si trattava di una sola deflagrazione. Pochi minuti dopo l’esplosione un secondo pacco sospetto è stato trovato poco distante dal luogo dell’attacco ed è stato fatto brillare, ma si è trattato di un falso allarme. Ariana Grande su Twitter si è detta “distrutta”, mentre la premier inglese Theresa May ha parlato di “orribile attacco terroristico“.

Anche l’Unità di crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia a Londra “sono in stretto contatto con le autorità inglesi per verificare l’eventuale presenza di italiani e prestare ogni possibile assistenza ai connazionali presenti nel Regno Unito in relazione all’esplosione avvenuta a Manchester questa notte” si legge in una nota del ministero degli Esteri.