Manchester, la vittima più giovane è Saffie Rose Roussos, di soli 8 anni

E’ una bambina di otto anni della Tarleton Community Primary School la vittima più giovane dell’attacco di Manchester. Lo hanno confermato le autorità della contea di Lancashire, aggiungendo che si tratta della piccola Saffie Rose Roussos, della città di Leyland. “La notizia della morte di Saffie in questo attacco terribile è diventata un tremendo shock per tutti noi e vorrei inviare le nostre più profonde condoglianze a tutta la famiglia e agli amici”, ha dichiarato Chris Upton, direttore della scuola primaria frequentata dalla bambina. “Il pensiero che chiunque potesse andare a un concerto e non tornare a casa è straziante”, ha aggiunto Upton, ricordando che “Saffie era una bambina bellissima in ogni senso. Era amata da tutti e il suo calore e la gentilezza sarà ricordato con affetto”. “Il nostro obiettivo è ora aiutare gli alunni e il personale a far fronte a questa notizia scioccante”, ha concluso.

La prima vittima identificata dell’attacco si chiama Georgina Bethany Callander, di 16 anni. Uno dei suoi ultimi messaggi è proprio un tweet in cui si era detta entusiasta sul suo profilo alla vigilia del concerto della sua beniamina alla Manchester Arena.

David Ratcliffe, direttore medico del servizio di soccorso del North West, ha riferito che ci sono 12 bambini al di sotto dei 16 anni tra i 59 feriti portati in ospedale dopo l’attacco di ieri sera al Manchester Arena.