Lucca, uccise la ex dandole fuoco: condannato a trent’anni

È stato condannato a 30 anni di reclusione Pasquale Russo, che il 2 agosto di un anno fa a Lucca cosparse di benzina, appiccando poi il fuoco, l’ex compagna Vania Vannucchi, morta in ospedale per le gravissime ustioni. La sentenza è stata emessa oggi dal gup del Tribunale di Lucca, Antonia Aracri. La condanna è stata inflitta con il rito abbreviato. La Procura aveva chiesto l’ergastolo. Il giudice ha disposto anche un risarcimento, a titolo di provvisionale, di 249.000 per le parti civili (i genitori di Vania e i figli). Pasquale Russo, 47 anni, presente oggi in aula, uccise l’infermiera Vania Vannucchi, 46 anni, al termine di ripetute minacce e aggressioni. Fino al tragico 2 agosto 2016, quando con la scusa di parlare del cellulare che le aveva rubato il giorno precedente, aveva attirato la ex fidanzata in una trappola che si sarebbe rivelata mortale, cospargendo il suo corpo di benzina per poi darle fuoco. La donna fu ricoverata in condizioni disperate all’ospedale Cisanello di Pisa con ustioni di terzo grado. È morta all’alba del 3 agosto.