Li sgrida per il rumore. I balordi lo colpiscono alla testa. L’uomo è in coma

È in coma farmacologico l’uomo di 56 anni picchiato da un branco di giovanissimi mentre rientrava a casa con la moglie a Milano. I due rincasavano dopo una serata di ballo, intorno alla mezzanotte. L’uomo ha rimproverato per il rumore un ragazzino che girava in scooter nel parchetto. Gli amici di quest’ultimo hanno voluto vendicare la “provocazione” e hanno colpito l’uomo con un ombrello alla testa. Il colpo ha provocato una pericolosa emorragia e il 56enne è stato operato d’urgenza all’ospedale Humanitas di Rozzano. 

Il Corriere della sera riferisce che delle indagini si stanno occupando i carabinieri della Compagnia Porta Magenta. “Gli investigatori partono dalla versione della donna, che avrebbe già le conferme, sia pur parziali, di altri residenti che hanno visto frammenti diversi del ferimento. Ci sono telecamere, in zona, forse non «direttamente» a inquadrare la scena, nelle vicinanze di una panchina dove forse il gruppo si era fermato per chiacchierare, ma nei dintorni. E dunque utili a «mappare» i movimenti dei ragazzini sia nella fase di arrivo al parchetto sia in quella di allontanamento. In considerazione della geografia — il quartiere è abbastanza «appartato» —, nessuno esclude che i giovani abitino qui. Ancora incerta la nazionalità, ma i balordi potrebbero anche essere italiani”.