La sinistra in ginocchio da Macron: «È meglio di Napoleone III»

Comincia la “santificazione” di Emmanuel Macron, diventato immediatamente l’icona di una certa sinistra, quella legata alla grande finanza e ai banchieri. Il primo paragone è addirittura con Napoleone III.

Il paragone tra Macron e Napoleone III

La notizia viene messa in risalto con enfasi: con i suoi 39 anni, Macron è il più giovane presidente nella storia di Francia. E – sottolineano gli opinionisti radical chic – ruba il record a Luigi Napoleone Bonaparte, che fu eletto presidente a 40 anni, nel 1848. Rimase in carica per quattro anni, fino al 1852, prima di trasformare la Seconda repubblica in impero e proclamarsi imperatore con il nome di Napoleone III.  

Il neopresidente fa il “moralizzatore” 

Ed Emmanuel Macron, nel suo primo discorso da presidente eletto, fa subito il “sovrano”. Tra i suoi impegni, dice, c’è quello della moralizzazione della vita pubblica:  «Noi siamo gli eredi di una grande storia e di un grande messaggio umanistico – afferma – Lavorerò per ricostruire il legame tra l’Europa e i suoi cittadini. Voglio  riportare la moralità nella nostra vita pubblica». E ancora: «Amiamo la Francia. Per i cinque anni che vengono, la servirò in nome vostro con umiltà, devozione e  determinazione. Viva la Repubblica, viva la Francia». «Voglio eliminare le paure» «Nei prossimi cinque anni», promette Macron, «la mia responsabilità sarà di eliminare le paure, di ritrovare l’ottimismo, di mettere insieme tutti gli uomini e le donne pronti ad affrontare le sfide enormi che ci attendono».