Juncker fa i dispettucci alla May: “Parlo francese. L’inglese perderà importanza” (video)

Juncker coglie l’assist e si toglie un sassolino contro la “terribile” May. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, parlando alla conferenza sullo Stato dell’Unione al Palazzo Vecchio di Firenze, ha deciso di pronunciare il suo discorso in francese perché, ha detto, “poco a poco la lingua inglese sta perdendo importanza”. Ma che dispettuccio infantile. La Gb fa la Brexit, punta i piedi sui costi eccessivi che l’Europa vuol farle pagare per il “divorzio” dalla casa madre europea e alla prima occasione la battutina sarcastica di Juncke che tocca uno dei punti fermi della comunicazione internazionale: chi piaccia o no, l’inglese è la lingua ufficiale comunemente usata dall’ufficialità europea. 

Settimana tesa tra Juncker e la May

L’uscita di Juncker arriva al termine di una settimana tesa tra l’Unione europea e il Regno Unito, dove il primo ministro Theresa May affronta una campagna elettorale che si basa sopratutto sul tipo di Brexit – “hard” o “soft” – che Londra negozierà con Bruxelles nei prossimi mesi. Dopo un incontro a cena con Juncker, che uscendo da Downing Street si era detto “più scettico che mai” sulla possibilità di trovare un accordo con il governo inglese, la May aveva attaccato “i burocrati di Bruxelles” che starebbero cercando di “influenzare” l’esito delle elezioni.