Isis, passa la linea Trump: la Nato entrerà nella coalizione internazionale

La Nato entrerà nella coalizione anti-Isis guidata dagli Stati Uniti. L’annuncio del segretario generale Joen Stoltenberg arriva a poche ore dalla visita di Donald Trump a Bruxelles per la partecipazione al vertice Nato che segna una svolta nel rapporto controverso del presidente Usa con l’Alleanza Atlantica, definita più volte obsoleta.

La Nato entra nella coalizione anti-Isis

«Tutti i 28 alleati della Nato sono membri della coalizione globale contro l’Isis  – ha detto Stoltenberg – oggi concorderemo l’ingresso nella coalizione, cosa che manderà un forte messaggio, di impegno nella lotta contro il terrorismo, e migliorerà il coordinamento all’interno della coalizione. Ma ciò non significa che la Nato si impegnerà in operazioni di combattimento». Parole che confermano il successo del pressing della Casa Bianca perché tutti i paesi Nato facciano la loro parte nella lotta al terrorismo islamico unendosi alla coalizione guidata dagli Usa contro il Califfato. L’ingresso della Nato nella coalizione anti-Isis come membro a pieno titolo è da tempo un’ipotesi sul tappeto, caldeggiata da Trump e non troppo apprezzata da Francia e Germania.  «Tredicimila militari Nato continuano ad addestrare le forze afghane – ha spiegato Stoltenberg –  valuteremo il nostro livello di supporto e il futuro della missione: addestrare le forze locali è uno dei mezzi migliori per combattere il terrorismo. Stiamo già addestrando le forze irachene e i nostri aerei Awacs (aerei radar, ndr) forniscono informazioni alla coalizione globale per sconfiggere l’Isis. Oggi decideremo di espandere il nostro sostegno alla coalizione, con più tempo di volo per gli Awacs, più condivisione delle informazioni e rifornimenti in aria». La visita pomeridiana di Trump al nuovo quartiere generale della Nato e la partecipazione al summit dei capi di stato e di governo dell’alleanza sono l’occasione scelta dal presidente Usa per scongelare le tensioni e offrire pieno sostegno all’Alleanza atlantica con la garanzia per un impegno di difesa comune. «Credo che questo tema sarà il vero nucleo del suo messaggio alla Nato», ha preannunciato il segretario di Stato, Rex Tillerson durante il volo da Roma a Bruxelles, «Trump crede che sarebbe un passo molto importante se la Nato come blocco si unisse formalmente alla coalizione internazionale a guida degli Stati Uniti contro lo Stato islamico».