E ci voleva Trump per far sgomberare i clandestini nei sottovia di Roma…

E ci voleva Trump per dare decoro a questa città. Ma durerà poco. La polizia locale di Roma Capitale è intervenuta stamattina per sgomberare i locali tecnici e le vie di fuga del sottovia di Porta Cavalleggeri. E’ stato necessario impiegare un gruppo elettrogeno per illuminare i cunicoli ricoperti di rifiuti, siringhe, bivacchi e giacigli. Questo è solo l’ultima di una serie di attività portate avanti dalla polizia di Roma Capitale a ripristino del decoro urbano. Da diverse settimane le bonifiche stanno interessando le aree a ridosso delle stazioni dei treni e delle metropolitane, come Termini, Ostiense, piazzale Flaminio e Tiburtina. In quest’ultima stazione cìè addirittura una tendopoli dove bivaccano clandestini e dove ultimamente si è rifugiato un immigrato ricercato per stupro e rapina. Come fa sapere la polizia locale, le operazioni andranno avanti nei prossimi giorni, per offrire assistenza alloggiativa a persone senza fissa dimora, qualora ce ne fosse bisogno, ma anche per permettere ad Ama di pulire in sicurezza e ripristinare il decoro nelle aree di Roma maggiormente a rischio degrado. Per i non romani, specifichiamo che barboni, clandestini, sbandati di ogni tipo vivono in questi luoghi bonificati solo oggi, per la visita del presidente americano Donald Trump, ma scommettiamo che tra pochi giorni tutto sarà tornato come prima.

Residenti imbestialiti per le chiusure

Intanto monta l’insofferenza dei residenti delle zone interessate dalla visita del capo della Casa Bianca. Le autorità assicurano che non ci saranno chiusure diffuse, ma solo temporanee e quindi di pochi minuti in occasione della visita del presidente american a Roma. Sono in fase di completo dispiegamento i servizi di prevenzione e controllo previsti nell’ordinanza di servizio diffusa ieri dal Questore di Roma Guido Marino. Nell’ambito di questo piano, spiega la Questura di Roma, “è prevista un’area di sicurezza intorno alla residenza dell’ambasciata americana di Villa Taverna che scatterà dalle 13.00 di oggi e rimarrà operativa fino alla partenza del presidente Trump”. Per tutti gli spostamenti del corteo, nonché, per le visite in Vaticano e Quirinale, sono state pianificate chiusure solo temporanee, per il tempo strettamente necessario al transito del corteo e, quindi pochi minuti, mentre, al Quirinale per la durata dell’incontro con il presidente della Repubblica. Come riferisce la Questura, “non sono previste misure aggiuntive per l’area di San Pietro, già interessata al piano di massima sicurezza per l’udienza del mercoledì”. Ma i romani ci sono abituati, il traffico andrà in tilt come sempre…