De Bortoli alla Boschi: «Querelami pure, ci spero, la mia fonte è sicura» (video)

«Spero che la querela non sia solo un annuncio». L’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli conferma tutto quel che ha rivelato nel suo libro sul caso Boschi-Banca Etruria: l’allora ministro nel 2015 chiese all’amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni di valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria. E il silenzio di Ghizzoni, fon’ora, sembra più di una conferma. «Sono assolutamente tranquillo e sicuro della bontà delle mie fonti. E in caso di querela, la mia fonte resterà protetta». Così l’ex direttore del Corsera Ferruccio De Bortoli. «Non ho parlato di pressioni, mi è stato riferito da una fonte vicina a Unicredit», aggiunge De Bortoli.

De Bortoli alla Boschi: “Colleziono querele»

La “Misura” della Boschi può essere “colma” quanto vuole, i fatti parleranno. «Comprendo la reazione dell’ex ministro – ha aggiunto De Bortoli, dicendo di non aver sentito né lei né l’ex ad di Unicredit Ghizzoni – ma confermo quello che ho scritto a pagina 209 del mio libro e sono convinto della bontà delle mie fonti». Quanto all’ex ministro Boschi, «nel suo caso c’era un conflitto di interessi: credo che un uomo politico debba preoccuparsi di quello che succede ad una banca, ma un conto è farlo un conto è fare pressioni indebite». Quanto alla querela annunciata dalla Boschi, De Bortoli risponde così: La querela? «Sono un collezionista, speriamo arrivi». Mentre Paolo Mieli annota: «Il silenzio di Ghizzoni è una conferma. Adesso ha il dovere di spiegare». E la Boschi e il governo di dimettersi.