Curano l’otite del figlio con l’omeopatia: il bimbo ora è in coma

Era ammalato da giorni, ma niente farmaci, per carità! Un bambino di sette anni lotta tra la vita e la morte per colpa di un’otite che, in caso di febbre e dolore, un antibiotico avrebbe eliminato in pochi  giorni. Purtroppo nono è andata così per un piccolo di Cagli che quindici giorni fa ha iniziato ad avere dolore alle orecchie. I genitori non si sono rivolti al pediatra curante ma ad un medico omeopata che seguiva il bimbo dalla sua nascita. Il quale ha prescritto loro dei prodotti «alternativi» per combattere questo ristagno del catarro nella «cavità timpanica». Lo leggiamo sul Resto Del Carlino, ma il caso sta infiammando le cronache e il web. 

«Con il bimbo che non rispondeva più, i genitori hanno portato il loro piccolo all’ospedale di Urbino dove i medici attraverso una tac hanno scoperto i disastri fatti dal pus introdottosi nel cervello. In altre parole, l’equilibrio neurologico del bambino era drammaticamente compromesso. La corsa all’ospedale Salesi di Ancona per un intervento d’urgenza in modo da svuotare il pus unito ad una terapia antibiotica fortissima, non hanno prodotto risultati sperati. I medici dicono che «rimane solo la preghiera» . Un caso sconcertante. L’otite si combatte con un semplice antibiotico «ma quando abbiamo visto il bambino, il quadro clinico era pari a 3, quando 0 significa morte e 15 una buona condizione”, raccontano l reparto. Purtroppo il bambino è arrivato in reparto tardissimo. «Abbiamo appreso dai genitori che hanno curato per 15 giorni l’otite di loro figlio con prodotti omeopatici, pur in presenza di forte febbre e di abbandono sempre più importante delle forze. Ci hanno detto che il bambino aveva avuto in passato altre otiti che erano state curate in questo modo ed apparivano convinti della bontà della cura visto che dall’età di 3 anni il loro bambino non aveva mai preso antibiotici. Per questo non hanno avuto dubbi nel chiamare un medico omeopata e affidarsi alle sue cure. Ma senza accorgersi che al secondo giorno di febbre la situazione cominciava già ad aggravarsi. Dopo 15 era disperata». Il pediatra curante del bambino, la dottoressa Rosera Falasconi con ambulatorio a Cagli, raggiunta telefonicamente ha dichiarato al Resto del Carlino: «Unicamente per dovere di correttezza, e per sgombrare il campo da equivoci, non ho certo prescritto io prodotti omeopatici ai miei pazienti, tantomeno al bambino. Non sono state mie scelte. Mi dispiace tantissimo e sono vicina ai genitori che ho sentito poco fa brevemente al telefono».

I sanitari: “L’otite andava fermata con un antibiotico”

«Da quanto si è appreso, sarebbe stata inviata una segnalazione alla procura competente su come è stato curato il bambino da parte del medico di cui i genitori, in virtù delle precedenti esperienze, avevano piena fiducia. Aggiungono i camici bianchi della rianimazione del Salesi: «Per una, due o tre volte l’infezione all’orecchio può essere sconfitta dalle difese del bambino, che può espellere naturalmente il pus anche con la rottura del timpano. Ma questo non significa che vada sempre così. Il bambino non ha avuto altre patologie come la meningite. È stato aggredito da un’otite bilaterale, cioè ad entrambe le orecchie. Che andava fermata subito con un antibiotico comune».