Corruzione a Roma, Virginia Raggi fra i testimoni del processo a Marra

C’è anche Virginia Raggi nell’elenco di testimoni ammessi al processo contro l’ex capo del personale Raffaele Marra e l’imprenditore Sergio Scalpellini, accusati di concorso in corruzione. Dunque, la prima cittadina di Roma sarà chiamata in aula a raccontare, sotto giuramento, ciò che sa e sapeva dei rapporti tra l’imprenditore che aveva affari milionari con il Campidoglio e il suo ex braccio destro, prima difeso strenuamente e poi definito come «uno dei 25mila dipendenti del Comune».

Raggi ammessa come testimone della difesa

Raggi è stata ammessa come testimone dai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Roma nell’udienza che si è svolta in mattinata e durante la quale sono stati ammessi dieci testi a scelta dalle liste presentate dalle difese di Marra e Scarpellini. Il nome di Raggi era nella lista testi depositata nei giorni scorsi dalla difesa dell’ex capo del personale in Campidoglio. Una indicazione che gli avvocati hanno confermato anche in aula, dove erano presenti, come nella scorsa udienza, sia Scarpellini sia Marra, entrambi agli arresti domiciliari. L’indagine riguarda una somma di denaro di circa 370mila euro che Marra avrebbe ricevuto da Scarpellini nel 2013. Con la somma acquistò un appartamento nella zona di Prati Fiscali.

Il calendario del processo

Non vi è ancora una data precisa per la testimonianza del sindaco, ma secondo il calendario stabilito dal tribunale il 20 giugno sarà dedicato al deposito delle trascrizioni delle intercettazioni, il 22 e il 27 è in programma l’audizione dei testimoni convocati dalla Procura, mentre il 30 giugno sarà la volta dei primi cinque testimoni chiamati dalle difese di Marra e Scarpellini.