Confindustria pronta a garantire 70 milioni per salvare il Sole 24 Ore

Il consiglio di amministrazione del Sole 24 Ore tornerà a riunirsi martedì prossimo, 9 maggio, secondo fonti qualificate, ma il vero appuntamento per scoprire il futuro del gruppo editoriale al centro di un’inchiesta della procura di Milano è fissato per l’11 maggio quando Confindustria deciderà ufficialmente come intervenire sull’aumento di capitale. All’ordine del giorno del cda guidato da Giorgio Fossa c’è il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2017, ma non è difficile immaginare che l’incontro possa essere l’occasione per fare il punto su eventuali valorizzazione di rami d’azienda. Il nodo centrale per il gruppo editoriale che vuole marcare una netta frattura con la vecchia gestione – risultano indagati per false comunicazioni al mercato l’ex direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano, l’ex presidente del gruppo Benito Benedini e Donatella Treu, ex amministratore delegato e direttore generale dell’editrice – è l’operazione di ripristino del capitale sociale e di rafforzamento patrimoniale per un importo fino a 70 milioni di euro.

Confindustria è l’azionista di maggioranza del quotidiano

Soldi che Confindustria è pronta a garantire: “L’azionista è pronto – secondo quanto si apprende – a fare fino in fondo la sua parte”. Viale dell’Astronomia detiene il 67,5% del capitale, nel caso di adesione totale la cifra si aggirerebbe intorno ai 47 milioni, anche se non è esclusa l’ipotesi di una diluizione della quota dell’associazione degli industriali nella proprietà del Sole 24 Ore. “Il mercato, infine, – rassicura una fonte vicina al dossier – saprà fornire una buona risposta” alla richiesta del gruppo editoriale. Il Sole 24 Ore “è per noi un asset importante, ha avuto una crisi legata al mondo dell’editoria e questo richiama anche l’azionista a svolgere il suo ruolo, cosa che cercheremo di fare – ha detto pochi giorni fa il presidente di viale dell’Astronomia, Vincenzo Boccia – con la migliore delle soluzioni possibili”. L’11 maggio il consiglio generale dovrà deliberare sulle posizioni che Confindustria deve prendere in merito al Sole 24 Ore, “ma l’ottimismo – secondo fonti qualificate – prevale”.