Concertone flop: ascolti bassi, musica scadente e censura Rai a Bennato

Concertone? No, concertino. Il giudizio è unanime: è stato uno dei peggiori mai realizzati dai sindacati per il Primo maggio. Un flop negli ascolti, un livello musicale bassissimo, le solite esibizioni partigiane con “Bella ciao” in tutte le sale, fino all’incredibile caso di Edoardo Bennato, unica versata della serata, “tagliato” a metà della canzona a sfondo politico, “Meno male che adesso non c’è Nerone”, per passare la pubblicità.

Primo Maggio, Concertone stroncato anche dal “Fatto”

La serata televisiva ha visto il dominio del Commissario Montalbano, che ha raggiunto il 33,13% e 7,70 milioni di spettatori, mentre il Concerto del Primo maggio ha raggranellato solo il 4,97% di share, battuto da tutti, anche dai Dieci comandamenti su Rete 4, una roba non freschissima. Perfino il Fatto Quotidiano, oggi, celebra il “de profundis” per la manifestazione di Piazza San Giovanni: «Negli ultimi anni l’organizzazione è cambiata, ma va detto che il risultato finale è sempre piuttosto agghiacciante, come se, per una strana questione di mimesi, le canzoni proposte sul palco dovessero rappresentare in tutto e per tutto il periodo oscuro che stiamo vivendo, nel lavoro e nella società. Nessuna speranza, stando a quel che si è susseguito sul palco almeno per buona parte del pomeriggio, solo disperazione, precariato e voglia di darsi alla droga e all’alcol…». La serata è stata caratterizzata anche da un’esibizione provocatoria dello “Stato sociale”, che non è un vago ricordo ma un gruppo musicale italiano dedito alla provocazione: con pantaloni stracciati e palloni da calcio, hanno preso di mira il ministro del Lavoro Poletti sul suo invito a cercare lavoro “giocando a calcetto”, per poi dedicarsi a Matteo Salvini, accusato perfino di essere venuto al mondo da due genitori non omosessuali. 

La rabbia di Bennato per il “brutale taglio” della sua esibizione

La serata, però, ha avuto anche uno strascico polemico su Twitter, dopo l’esibizione di Edoardo Bennato. Il cantautore napoletano ha protestato, con un comunicato postato sui social network, perché – durante la messa in onda su Rai3 – la pubblicità ha interrotto la sua performance mentre eseguiva l’ultimo brano. «Edoardo Bennato – si legge nella nota dell’ufficio stampa – aveva in scaletta quattro brani ma durante l’esecuzione dell’ultimo brano, “Meno male che adesso non c’è Nerone”, la Rai ha deciso di interrompere in modo brutale la trasmissione, mandando in onda la pubblicità e riservando un trattamento inaccettabile a Edoardo, alla sua band e ai telespettatori. A questo punto ci chiediamo il motivo: disguido, disorganizzazione o, magari, censura?».

La replica della Rai: nessuna censura

«C’era stato un ritardo accumulato nella scaletta e una sovrapposizione di un blocco pubblicitario previsto proprio in quella fascia oraria, ma nessuna censura da parte della Rai». È questo il motivo, a quanto si apprende da fonti di Viale Mazzini, per il quale la diretta dell’esibizione di Edoardo Bennato dal palco del Concertone del 1 maggio di ieri è stata sfumata a metà del quarto brano per mandare in onda la pubblicità.

 

Ecco l’esibizione (non tagliata) di Edoardo Bennato.