A 45 anni dall’omicidio Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi

Milano ricorda Luigi Calabresi. A 45 anni dall’omicidio del commissario di polizia – avvenuto il 17 maggio 1972 in via Fatebenefratelli – in questura si è celebrata la commemorazione, alla presenza, tra gli altri del questore Marcello Cardona, della signora Gemma Capra e del figlio Mario Calabresi.

“È una pagina tragica ma anche di crescita di Milano perché la reazione della città c’è stata” per il sindaco di Milano Giuseppe Sala che ha preso parte alla messa e alla deposizione delle corone di fiori davanti alla lapide del commissario assassinato sotto casa sua da un commando di Lotta Continua.

“Questa non è solo una cerimonia, sono molto legato alla Polizia e alle sue vittime del dovere. Il ricordo di chi si è sacrificato per il bene comune, è un dovere e una testimonianza di rispetto”, spiega il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

Durante la cerimonia c’è anche spazio per il ricordo di chi lavorò al fianco di un poliziotto che dopo la morte di Giuseppe Pinelli fu al centro “di una contestazione accanita” e finì per sentirsi “un bersaglio”.