Manchester, arrestati a Tripoli padre e fratello minore di Abedi

Una vera e propria famiglia di terroristi. Finiscono in carcere in Libia fratello minore e padre dell’attentatore suicida di Manchester. La  forza speciale di deterrenza di Tripoli ha annunciato di aver arrestato Hashem Abedi, che è appunto il  fratello minore di Salman. In manette è finito anche Ramadan, padre di entrambi.   L’arresto di Hashem Abedi è avvenuto la sera del 23 maggio a Tripoli. A far scattare l’operazione è stato il fatto che Hashem abbia preso in consegna una somma consistente di denaro, 4.500 dinari libici,  inviatagli dal fratello maggiore Salman prima dell’attentato kamikaze. Durante l’interrogatorio Hashem ha ammesso di far parte, insieme al  fratello deceduto, del sedicente Stato islamico (Is) e di essere stato in Gran Bretagna durante la fase di preparazione dell’attentato. Hashem si è quindi detto al corrente di tutti i dettagli dell’azione condotta dall’Is. Hashem ha inoltre spiegato di aver lasciato la Gran  Bretagna lo scorso 16 aprile e da allora di essere sempre stato in  contatto con il fratello.

Quanto a Ramadan Abedi, in un’intervista precedente il suo arresto, scagionava suo figlio Salman. «I miei  figli non c’entrano niente con l’attentato, ho parlato con Salman cinque giorni fa ed era normalissimo. Voleva fare un viaggio in Arabia Saudita. E poi non siamo estremisti, non uccidiamo innocenti». Terroristi e spudorati.