Un uomo uccide la moglie a coltellate nella notte. Poi chiama il 112

Femminicidio questa notte in una casa di Camisano, nel Vicentino. Attorno alla mezzanotte un uomo di 47 anni ha ucciso la moglie di 37 anni, di origini colombiane. L’uomo ha aggredito la consorte con un coltello e chiamato subito dopo il 112 per annunciare il delitto compiuto. I carabinieri arrivati nella casa hanno sequestrato il coltello, arma del delitto, arrestato e accompagnato l’uxoricida nella caserma di via Muggia. Non sono noti al momento i motivi che hanno scatenato la furia omicida dell’uomo.

Le coltellate, poi la telefonata ai carabinieri

Si è detto pentito di quanto fatto il 47enne. L’omicidio sarebbe stato compiuto al termine di una lite tra i due coniugi svoltasi all’interno della casa di Camisano Vicentino. L’uomo ha colpito la donna con un coltello a serramanico, e i carabinieri chiamati dallo stesso omicida dopo la tragedia, hanno trovato e sequestrato l’arma del delitto. La coppia ha una figlia di tre anni, che dormiva al piano superiore e che non avrebbe sentito nulla. Dopo otto anni di convivenza, i due si erano sposati quattro anni fa. Un matrimonio poi entrato in crisi, tanto che da tempo parlavano di separazione. L’uomo ha confessato davanti al pm durante l’interrogatorio diì garanzia e avrebbe detto che a spingerlo all’omicidio sarebbero state le minacce della moglie di non fargli vedere più la bambina.