Torna la paura a Westminster: arrestato un uomo armato di coltelli

Torna la paura a Westminster: un uomo è stato arrestato oggi a Whitehall, vicino al Parlamento di Londra, nella stessa zona dell’attacco terroristico del 22 marzo scorso, compiuto con un suv da parte di un musulmano di origine nigeriana. Lo ha reso noto con un tweet la stessa polizia londinese precisando che non ci sono feriti. L’uomo fermato, che indossava un giubbotto nero, sarebbe stato visto girare armato di grossi coltelli e testimoni citati dai media britannici hanno riferito di aver visto due coltelli a terra. L’uomo arrestato oggi a Whitehall è sospettato di aver voluto compiere un attentato. Lo ha detto la polizia britannica, precisando che al momento “non c’è più alcuna minaccia immediata”. L’uomo, tra i venti e i trent’anni, era armato di coltelli, ha precisato in una nota Scotland Yard. Alcune foto scattate da un giornalista mostrano tre grandi coltelli a terra sul luogo dell’arresto, dove sta lavorando la polizia scientifica. Sempre Scotland Yard conferma che l’incidente è chiuso e che non ci sono stati feriti. Non si conosce ancora l’identità del sospetto terrorista arrestato. L’uomo, che sembra avere intorno ai 30 anni, è stato fermato da un gruppo di poliziotti e portato in camera di sicurezza in base al Terrorism Act, la legge in vigore nel Regno Unito.