Sull’Isola tiberina dentista gratis per i bambini dei quartieri poveri

Visite dal dentista gratuite al Fatebenefratelli-Isola tiberina di Roma, con Save The Children, per i bambini dei quartieri più svantaggiati, come Torre Maura e Ponte Di Nona. L’ospedale romano, con il servizio di odontoiatria pediatrica, partecipa infatti all’iniziativa nazionale Illuminiamo il futuro, promossa dall’associazione no profit, dal 3 al 9 aprile, per contrastare la povertà educativa in Italia. Si tratta dell’unica esperienza ospedaliera a Roma per questo progetto. Il Servizio di odontoiatria pediatrica del Fatebenefratelli all’Isola Tiberina, diretto da Raffaella Docimo, si occuperà gratuitamente dei bambini delle famiglie disagiate di Roma che si rivolgono ai cosiddetti “Punti Luce”, ovvero centri di assistenza sociale e non solo situati nei quartieri più svantaggiati delle città. Save the Children ha individuato in questi centri una serie di bambini e famiglie che si recheranno all’Isola Tiberina per usufruire del servizio messo a disposizione dall’ospedale. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’utenza sull’importanza della salute della bocca, soprattutto dei più piccoli, attraverso prime visite, check-up,
follow-up e motivazioni dei bambini e delle loro famiglie.

L’iniziativa per i bambini organizzata da Save the Children

“Abbiamo aderito a quest’iniziativa con molto entusiasmo perché abbiamo l’opportunità di operare sul nostro territorio e far conoscere l’importanza della prevenzione a tutte quelle famiglie le cui condizioni di disagio rischiano di condizionare la loro vita e la loro salute. – dichiara Marco Longo, direttore generale dell’ospedale Fatebenefratelli all’isola Tiberina -. La nostra struttura fa dell’ospitalità e dell’accoglienza i propri capisaldi, perciò siamo entusiasti di dare il supporto alle persone della nostra comunità, mettendo in campo i valori che più ci stanno a cuore e che ci contraddistinguono”. In Italia oltre 1 milione di bambini vive in povertà assoluta, senza beni e servizi indispensabili per condurre una vita quotidiana accettabile e senza la possibilità di costruirsi un futuro, ma l’educazione può aiutarli. In quest’ottica si inserisce la campagna di sensibilizzazione ”Illuminiamo il loro futuro” nata nel maggio 2014 e rilanciata quest’anno da Save the Children dal 3 al 9 di aprile. Si tratta di una settimana di mobilitazione su tutto il territorio nazionale con giornate dedicate al contrasto della povertà educativa e a sostegno dei ‘Punti Luce’, spazi dove i bambini, gli adolescenti e le loro famiglie possono usufruire di diversi servizi: sostegno allo studio, laboratori artistici e musicali, gioco e attività motorie, promozione della lettura, accesso alle nuove tecnologie, educazione alla genitorialità, consulenze pedagogiche, pediatriche e legali.