Strage di San Pietroburgo, il primo sospettato ha un nome: Akbarzhon Jalilov

C’è un primo nome per la strage di San Pietroburgo. Si tratta di un kirghiso che aveva ottenuto la  cittadinanza russa. È su di lui che cadono i maggiori sospetti, viene indicato come l’autore della carneficina in metropolitana, con undici persone morte e oltre 40 ferite dall’esplosione. L’ordigno era a bordo di un vagone della metro che aveva appena lasciato una stazione. A darne notizia sono state le forze di sicurezza dello stato centroasiatico, si legge sul sito della Bbc. L’uomo è stato identificato come Akbarzhon Jalilov, nato a Osh nel 1995. I media statali kirghisi hanno riferito che i servizi di sicurezza del paese sono in contatto con i servizi segreti russi per ulteriori indagini. Da parte degli investigatori russi sono stati divulgati pochi dettagli. Finora nessun gruppo ha rivendicato l’attacco.