Stop allo Stadio della Roma. La conferenza dei servizi dice no

Ancora uno stop allo Stadio di proprietà della As Roma. E perciò uno stop alle speranze di James Pallotta e dei tifosi giallorossi. La Conferenza dei servizi sullo Stadio della Roma si è chiusa infatti con esito negativo. A determinare l’esito dei lavori, tra l’altro, la mancata variante urbanistica da parte del Campidoglio e l’avvio del procedimento di vincolo da parte del Mibact. Ora i proponenti avranno tempo fino al 16 giugno per presentare controdeduzioni. Per avviare una nuova Conferenza dei servizi è necessario che nelle controdeduzioni siano mantenute le opere pubbliche e di interesse generale, e che esse siano eseguite contestualmente a quelle private. “La direzione Territorio, Urbanistica e Mobilità della Regione Lazio ha concluso con esito negativo la Conferenza dei Servizi indetta per la valutazione del progetto relativo allo stadio della Roma” spiegato in una nota l’assessore alle Politiche del Territorio della Regione Lazio, Michele Civita. Lo stop è stato reso necessario dopo la presa d’atto dei pareri trasmessi dalle varie amministrazioni interessate e ribaditi, alla fine di marzo, con i pareri negativi dei rappresentanti unici di Roma Capitale e della Città Metropolitana. Insomma, tutto da rifare per l’as Roma di Pallotta. Che dopo la eliminazione in semifinale di Coppa Italia patita dai cugini della Lazio vede adesso allontanarsi la possibilità di avere finalmente uno Stadio di proprietà.