Siccità, caldo, freddo: in Italia ad aprile agricoltura messa in ginocchio

Prima la siccità e il caldo anomalo, poi il brusco calo delle temperature. “Sono problemi diversi e gravi a seconda dei vari territori interessati ma con un denominatore comune: sono state messe in ginocchio le campagne e gli imprenditori agricoli italiani. A segnalarlo è il presidente di Confagricoltura,
Massimiliano Giansanti. “Dal Nord al Sud del Paese, dai vigneti al mais, dai cerali all’ortofrutticoltura, il danno è compiuto. La straordinaria ondata di maltempo sta affliggendo moltissime aziende e le nostre strutture sul territorio stanno calcolando i danni”, sostiene in una nota. E con l’occasione Confagricoltura traccia la mappa dei territori colpiti. In Lombardia, in provincia di Como, i maggiori danni sono stati provocati dal forte vento. Preoccupazione nel Varesotto per la fioritura dell’Acacia molto in anticipo: vento e pioggia rischiano di compromettere la produzione del miele per tutta la stagione. E sta diventando sempre più preoccupante la situazione per i vigneti lombardi, soprattutto a causa delle basse temperature, che hanno colpito, in particolare, la Franciacorta e l’Oltrepò Pavese.

Danneggiate soprattutto le vigne

In provincia di Bergamo, dai primi dati raccolti, sembra che siano state danneggiate soprattutto le vigne del fondo valle. In Piemonte le gelate notturne con temperature intorno allo 0 hanno bloccato le fioriture. Interessati dai maggiori danni Torino (soprattutto nel Canavese), l’Alessandrino, l’Astigiano, mentre nel Cuneese, oltre ai vigneti sono state colpite le piante da frutto, soprattutto i kiwi. In Veneto le gelate hanno fatto strage di vigneti nelle zone di Valdobbiadene, frutteti e ortaggi in varie province; nel padovano è stato distrutto il mais. Situazione grave anche in Emilia Romagna. A Modena e provincia le grandinate hanno colpito soprattutto la Bassa Modenese, da 5 anni a questa parte martoriata da ogni tipo di calamità. Gelate mattutine su vigneti, frutteti di pere. Danneggiato dal gelo il mais nella zona di Castelvetro e Monticelli, a Villanova colpite le ciliegie tardive e le albicocche. Gelate anche le piantine di alcuni campi di pomodoro da industria e su quelle pronte per il trapianto. In provincia di Bologna distrutti due terzi dei vigneti sulle colline di Borgo Tossignano. Gravemente colpito il vigneto toscano: un valore di circa 80 milioni di euro è il danno, calcolato da Confagricoltura, per la distruzione di più del 20% della produzione a causa dell’improvvisa ondata di gelo, con temperature scese anche sotto lo zero. Danni maggiori nelle porzioni inferiori dei versanti, a Montalcino; mentre nelle zone di produzione del Chianti, del Chianti Classico e di Rufina, alcune aziende hanno perso fino al 90% della produzione. Nel Lazio si contano i danni a Frosinone e a Latina, in particolare per kiwi, nei vigneti e per le orticole. Anche l’agricoltura pugliese sta pagando a caro prezzo i forti sbalzi termici. Tra le vittime, albicocche, pesche e asparagi. In particolare è stata gravemente colpita Foggia soprattutto nei comuni di Cerignola e Manfredonia. In Campania, danneggiati i vigneti nel Beneventano e nell’Avellinese.