Si impicca e rimane appeso a un albero per 5 mesi, ma nessuno se ne accorge

Era appeso lì da 4, forse 5 mesi: ma è stato trovato solo ieri il cadavere di un uomo impiccato a un albero, in fondo a una scarpata nei pressi di un’area di sosta all’altezza di Montopoli Valdarno, lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno.

Il cadavere di un uomo appeso a un albero

Nei faldoni di qualche commissariato giaceva la denuncia di scomparsa che i familiari della vittima avevano depositato ai carabinieri che, a quanto risulta, conoscevano l’uomo. Eppure, mesi di ricerca non hanno portato alla verità, scoperta solo ieri per caso, da un passante che, in transito sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno, nelle vicinanze di una piazzola di sosta nei pressi di Montopoli Valdarno, ha intravisto qualcosa di sospetto in fondo a una scarpata. E in effetti, da un albero, tra la natura incolta, giaceva inerme, appeso a un ramo dove probabilmente si era impiccato almeno 4, se non 5 mesi, fa, il cadavere di quello che pare altamente probabile fosse un bulgaro 44enne, scomparso da tempo.

Potrebbe essere quello di un uomo scomparso mesi fa

Il corpo era ovviamente in avanzato stato di decomposizione quando l’automobilista in transito nei paraggi ne ha scorto i resti penzolare da un albero. Poi, capito che si trattava di ciò che restava di un uomo, ha dato l’allarme. Sono stati i carabinieri intervenuti sul posto dopo la chiamata del passante a collegare il ritrovamento a quella denuncia di scomparsa presentata dai familiari mesi fa. Ora il corpo è stato trasferito all’obitorio di Pisa dove il magistrato di turno ha disposto che venga a breve eseguito l’esame autoptico: ma familiari e inquirenti sono convinti che si tratti del 44enne suicida, scomparso mesi fa nel nulla e rinvenuto solo per caso nella serata di ieri.