Rampelli: «Con il referendum turco il livello di democrazia è inferiore» (video)

«Il tasso di democraticità della Turchia da oggi è ancora inferiore rispetto alla media a cui eravamo abituati e comunque non ci lasciava certamente soddisfatti». Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei deputati commenta il risultato del referendum turco.«La Turchia – dice l’esponente di FdI – è una porta d’accesso importante tra il Medio Oriente e l’Europa. Quindi, il fatto che l’Europa non si senta sicura di come venga gestito il potere in Turchia è elemento di preoccupazione anche per la rotta balcanica da cui provengono o possono provenire i migranti. Fermo restando –  dice ancora Rampelli – che in questa fase è stata preferita la rotta libica,  e quindi l’attraversamento del Mediterraneo, in forza dei miliardi di finanziamento che l’Europa ha elargito nei confronti della Turchia, potremmo avere un condizionamento permanente da parte della Turchia nei confronti dell’Europa. Ciò  – conclude  Rampelli – costituisce un elemento di forte instabilità».