Ragusa, vendeva falsi abiti firmati pubblicizzandoli su Facebook

Erano falsi abiti firmati. In realtà, contraffatti. E, ovviamente, postati su Facebook. Un vero e proprio bazar di abiti firmati contraffatti, venduti in casa e pubblicizzati attraverso due profili Facebook, è stato infatti scoperto dalla Guardia di Finanza di Ragusa in un appartamento della città di Vittoria. A gestire l’attività illecita, una donna che attraverso il social si procacciava i clienti, invitandoli a vedere e provare i capi d’abbigliamento nella sua abitazione. Qui, i finanzieri hanno trovato e sequestrato circa 150 falsi abiti firmati O-bag, Liu Jo, Gucci, Armani jeans, Adidas, Nike, Ray Ban, Prada, Moschino. Tutti rigorosamente fasulli. Dall’analisi dei profili Facebook fatta dalla Guardia di Finanza, la donna avrebbe dato il via alla sua attività almeno dal mese di gennaio, con forniture settimanali di prodotti contraffatti, per un totale di circa duemila capi, che venivano consegnati a quanti li acquistavano via corriere. I finanzieri hanno anche trovato un’agendina della donna con annottati una parte degli incassi in contanti percepiti dagli ignari clienti.