Presunta “compravendita” di senatori, prescrizione per Berlusconi e Lavitola

La seconda sezione della Corte d’Appello di Napoli ha dichiarato la prescrizione del reato di corruzione nei  confronti dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e dell’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola. Si conclude così il processo  d’appello sulla presunta compravendita di senatori, l'”operazione  libertà”, che portò alla caduta del Governo Prodi nel 2008. In primo  grado Berlusconi e Lavitola erano stati entrambi condannati a 3 anni.  Il procuratore generale, nella sua requisitoria, aveva chiesto che  fossero confermate le responsabilità di entrambi gli imputati e,  contestualmente, la prescrizione dei reati.