Preso il rapinatore con il teschio: aveva anche un’arma da guerra

Finisce il galera il rapinatore con il teschio. È un romeno. La sua “azione” fu ad effetto: entrò in un negozio a Genzano con il volto nascosto da un passamontagna con un disegno particolare. Come riporta il Messaggero, dopo quattro mesi di indagini, è stato arrestato dai carabinieri e dagli agenti del commissariato di Albano Laziale.

Il rapinatore con il teschio incastrato dai video

A disporre la misura, il tribunale di Velletri. Il rapinatore con il teschio è un romeno di 26 anni. Il colpo risale allo scorso dicembre. Il giovane è stato incastrato delle telecamere di sorveglianza del locale, che lo hanno immortalato mentre si introduceva nell’esercizio commerciale. Nei fotogrammi si vede un uomo di corporatura esile, armato di pistola, travisato in volto con un passamontagna che appunto era decorato con un teschio.

Il fucile d’assalto M16

I carabinieri hanno perquisito l’appartamento del ventiseienne e hanno trovato gli abiti e gli accessori indossati il giorno della rapina. Tra gli indumenti è spuntata anche una mascherina coprivolto in neoprene di colore nero con disegni bianchi raffiguranti un teschio. Da altri accertamenti è emerso che il giovane avrebbe portato in pubblico un’arma da guerra illegalmente detenuta: una specie di fucile d’assalto M16, già in dotazione alle forze armate Usa. L’arrestato al momento si trova in carcere a Velletri.