Papa Bergoglio: “I campi dei rifugiati sono campi di concentramento”

Papa Francesco, al termine della celebrazione a San Bartolomeo all’Isola, a Roma, ha incontrato un gruppo di rifugiati accolti dalla comunità di Sant’Egidio. «Vorrei ringraziarvi per tutto quello che voi ci date», ha detto Francesco. Il Pontefice ha salutato, uno ad uno, un gruppo di rifugiati arrivati con i corridoi umanitari realizzati grazie a Sant’Egidio. Bergoglio si è fermato in particolare con un musulmano afghano arrivato con un viaggio tragico su un gommone e che, nella traversata, ha perso uno degli amici.

Papa Bergoglio: “Tra i nuovi martiri una donna sgozzata dai terroristi”

Per Bergoglio «i campi dei rifugiati» sono paragonabili ai campi di concentramento. «Sono di concentramento per la folla di gente». Papa Francesco, nel corso della visita a San Bartolomeo all’Isola per ricordare i nuovi martiri, parlando a braccio, osserva: «Io vorrei oggi aggiungere un’icona di più: una donna, non so il nome ma lei ci guarda dal cielo. Ero a Lesbo, salutavo i rifugiati, ho trovato un uomo trentenne, tre bambini, mi ha guardato e mi ha detto: “Padre, io sono musulmano, mia moglie era cristiana e nel nostro Paese sono venuti i terroristi. Ci hanno guardato, ci hanno chiesto la religione e hanno visto lei con il crocifisso e hanno chiesto di buttarlo giù. Lei non lo ha fatto e l’hanno sgozzata davanti a me. Ci amavamo tanto”».

Papa Bergoglio: “Gli accordi internazionali più importanti dei diritti umani”

«Questa – dice Bergoglio – è l’icona che porto oggi come regalo qui. Non so se quell’uomo è ancora a Lesbo o è riuscito ad andare altrove. Non so se è stato capace di uscire da quel campo di concentramento, perché i campi dei rifugiati sono di concentramento, per la folla di gente. Sono lasciati lì per la colpa che devono portare avanti questo peso perché gli accordi internazionali – denuncia ancora il Pontefice – sembra che siano più importanti dei diritti umani. Questo uomo non aveva rancore, lui musulmano aveva questa croce del dolore portata avanti senza rancore. Si rifugiava nell’amore della moglie aggraziata dal martirio».