Ora la Brexit fa litigare anche la Spagna e il premier di Gibilterra

La Brexit fa salire la tensione fra Madrid e Gibilterra. “Il futuro di Gibilterra verrà determinato solo dal popolo di Gibilterra. Quello che la Spagna potrà dire è zero. Tutto il resto è fantasia”, ha twittato oggi Fabian Picardo, primo ministro del governo del territorio britannico, dopo aver diffuso un duro comunicato in cui definisce “predatorio” l’atteggiamento di Madrid. Al centro delle tensioni vi sono le linee guida europee per il negoziato sulla Brexit, che prevedono l’assenso della Spagna per l’estensione dei futuri accordi a Gibilterra. Il comunicato parla di “una prevedibile macchinazione” spagnola, che gli abitanti avevano cercato di impedire votando in massa contro la Brexit. “Quello a cui stiamo assistendo è una chiara manifestazione del prevedibile atteggiamento predatorio” che la Spagna “sta abusivamente cercando di imporre ai suoi partner”, continua il comunicato, che ribadisce “l’esclusiva” sovranità di Londra sulla Rocca. A quanto riferisce la Bbc, il ministro britannico degli Esteri Boris Johnson ha parlato con Picardo per rassicurarlo sul sostegno di Londra “forte come una roccia”. Piccola enclave di 6,8 km2 sulla costa spagnola, Gibilterra conta circa 29mila abitanti ed è sotto il controllo della Gran Bretagna dal 1713. La Spagna contesta la sovranità di Londra.