Ong, il centrodestra: «Stanno devastando l’Italia. Fermiamole»

Il procuratore di Catania punta il dito contro le relazioni pericolose tra Ong e scafisti, colpèevoli – se ne dice certo – di una complicità criminale nella gestione dei flussi migratori. E nel argomentare il suo affondo – che da settimane ormai tiene banco in primo piano – lancia un emblematico appello all’esecutivo, fin qui colpevolmente assente. E proprio dalla politica, allora, dalla sua rappresentanza parlamentare di centrodestra, arriva il sostegno al j’accuse del pm.

Rampelli: «Orlando faccia piena luce sul mercato criminale»

«Le parole del procuratore della Repubblica di Catania Carmelo Zuccaro, che conduce l’inchiesta sull’operato delle Ong nel Mediterraneo, sono un atto d’accusa incontrovertibile verso l’irresponsabile gestione dei flussi migratori da parte del governo italiano», ha ribadito il capogruppo alla Camera di Fdi-An, Fabio Rampelli, esprimendo poi a nome del partito «tutto l’apprezzamento per il lavoro che sta eseguendo» e chiedendo contestualmente «che il ministro Orlando intervenga rapidamente per mettere a sua disposizione quelle risorse umane, professionali ed economiche di cui ha bisogno per fare piena luce sul mercato criminale e illegale di uomini che vede coinvolti scafisti, trafficanti di uomini e organizzazioni umanitarie di varia natura, comprese quelle che beneficiano di lauti finanziamenti dello Stato per gestire il circuito dell’accoglienza». E nel ricordare quanto tempestivamente denunciato da FdI sulla spinosa questione, Rampelli conclude: «È ormai evidente che avevamo ragione fin dal principio: i governi di sinistra hanno costruito un micidiale comitato d’affari che prevede non il salvataggio di chi sta in mare, ma la vera e propria organizzazione di viaggi per andare a prelevare ogni giorno migliaia di clandestini e portarli in Italia».

Gasparri: «Le Ong stanno devastando il nostro Paese»

E anche il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, da sempre in prima linea sulla controversa gestione dei governi di centrosinistra dei flussi migratori ininterrottamente in corso da anni, rilancia le accuse e sostiene: «Ora lo sport nazionale è sparare contro il sostituto procuratore di Catania, Zuccaro, che ha avuto il torto di mettere il dito nella piaga. I traffici per trasportare clandestini in Italia esistono e sono sotto gli occhi di tutti. Le Ong stanno devastando il nostro Paese, molte di loro sono spuntate misteriosamente e le loro attività sono più che sospette. Saremo implacabili nell’indagine conoscitiva che abbiamo chiesto ed ottenuto presso la commissione Difesa del Senato». E al danno criminale si aggiunge anche la beffa del sovvenzionamento istituzionale. «Il governo Gentiloni e il Pd – rimarca infatti l’esponente forzista – hanno destinato circa 5 miliardi ai clandestini nel 2017, preferendoli agli italiani in condizione di disagio. Con la sinistra italiana fanno festa i trafficanti libici che si arricchiscono, le Ong che per scopi ideologici, e forse qualcuna per interessi affaristici, trasportano gente in Italia, tutto il sistema delle cooperative che lucra spolpando i bilanci pubblici e gestendo risorse enormi. Non se ne può più». Anche perché, come concluso dallo stesso Gasparri, «il terminale di questa filiera di illegalità lo troviamo in tutte le nostre città dove il dilagare dell’immigrazione alimenta criminalità e degrado. Le Ong non vanno santificate, vanno indagate, controllate e messe in condizione di non nuocere».

Il sostegno al procuratore di Catania della Lega

Secco e mirato soprattutto contro il Pd, infine, il commento a denunce e polemcihe rilasciato dal deputato leghista Alessandro Pagano, che dichiara: «I “pizzini” mediatici mandati da alcuni membri di governo ed alcuni esponenti Pd al procuratore Zuccaro sono inaccettabili. Invece di attaccare con la stessa determinazione gli scafisti e denunciare le opacità di gran parte delle Ong, provano a intimidire e a mettere il silenziatore al pm di Catania, come se alla fine il problema di questa invasione di clandestini fosse lui… Tutto ciò è gravissimo. E – conclude con inquietanti interrogativi l’esponente del Carroccio – allo stesso tempo, gatta ci cova. Chi del governo ha interesse a camuffare questa vergogna e questo business? Cosa c’è sotto?»…