Finte nozze e falsi contratti di affitto a migranti: cinque arresti a Milano

Ancora un caso di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Si facevano pagare lautamente per organizzare falsi matrimoni e fornivano finti contratti di lavori e d’affitto alle case Aler di Milano. Il tutto per far arrivare in Italia cittadini extracomunitari con documenti falsi. Cinque persone – due marocchini, un serbo e due italiani– sono stati arrestati dalla guardia di finanza del Comando Provinciale Milano per associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e all’occupazione abusiva di case popolari. Denunciate a piede libero altre 11 persone coinvolte, a vario titolo, nei fatti oggetto di indagine. I provvedimenti emessi dal gip del Tribunale di Milano, Alessandra Simion, hanno consentito di smantellare l’ associazione che arrivava a organizzare matrimoni simulati con cittadini italiani, che si prestavano alla simulazione dietro il pagamento di un compenso, al fine di favorire la permanenza nel territorio dello Stato di cittadini di origine extracomunitaria privi dei necessari requisiti.