Meloni: «Voglio vincere le elezioni, perciò dico al Cav di essere chiaro»

Uniti ma non a tutti i costi. Dopo l’incontro ad Arcore con Berlusconi, Giorgia Meloni fa il punto sui rapporti con Forza Italia dopo la rottura sancita alle comunali di Roma. L’incontro è stato proficuo («abbiamo parlato di politica internazionale, interna, futuro del centrodestra») ma è presto per dire che tutto è risolto. «Voglio vincere le prossime elezioni, e farò del mio meglio perché succeda – dice la leader di Fratelli d’Italia al Corriere della Sera – gli elettori non ci perdonerebbero mai divisioni incomprensibili quando gli avversari da battere sono chiari e simili, e sono le sinistre di Pd e M5S, diversissimi dall’unico fronte, il nostro, che si batte per il “prima gli italiani”, per una norma in Costituzione che difenda gli interessi nazionali dall’ ingerenza europea, per la nostra identità”».

Meloni: alleati sì, ma su un programma chiaro

Ma l’alleanza con Forza Italia deve poggiare su un programma chiaro e condiviso. La Meloni chiede al Cavaliere chiarezza sulla collocazione europea. «Noi siamo per uno scioglimento concordato e controllato dell’ euro, e io vorrei capire anche cosa pensa e dice Berlusconi alla Merkel quando vota per ridurre i fondi europei ai terremotati. Poi, dobbiamo decidere chi sarà il portabandiera della coalizione, e continuo a credere che il sistema migliore sia quello delle primarie». Ipotesi che Berlusconi non esclude a condizione che siano normate per legge, proprio come propone da molto tempo Fratelli d’Italia. «Abbiamo una proposta di legge che sostiene proprio questo – dice l’ex ministro della Gioventù – oltre al premio di maggioranza alla coalizione. sarebbe bello fare una battaglia insieme».  Un altro paletto invalicabile per l’alleanza è il no a qualsiasi governo con la sinistra. Populisti? «Le nostre posizioni sono sempre state vincenti tra la gente. Per questo dico che abbiamo la responsabilità di provare a stare insieme. E io mi confronto cercando di arrivare ad una proposta ampia, credibile e seria. Il che significa sì ad alleanze ma non a ogni costo».