Maxi rissa tra profughi a Bolzano: 10 feriti. Distrutto il centro d’accoglienza

Una gigantesca rissa è scoppiata al centro profughi di Bolzano nella notte tra Pasqua e Pasquetta. La struttura ex Alimarket è stata devastata con mazze, bastoni ed estintori e per sedare i disordini sono dovute intervenire le pattuglie di carabinieri, polizia e guardia di finanza. Almeno dieci i feriti. Nel lungo elenco – oltre ad uno dei poliziotti intervenuti – ci sono libici, marocchini, gambiani, afghani  e pachistani. Poche ore prima, verso le 19, c’era stata un’altra rissa e venerdì una terza. Complessivamente sono stati arrestati otto profughi (due afghani, due libici, un pakistano, un marocchino, un gambiano e un cittadino della Guinea) tutti per rissa aggravata e danneggiamento. A due afghani e ad un pakistano, per la loro condotta violenta, è stata notificata in mattinata la revoca delle misure di accoglienza sul territorio nazionale.

La rissa originata dalle molestie alle operatrici del centro profughi di Bolzano

Pare che all’origine della rissa ci siano le espulsioni (due o tre) decise a seguito della rissa di venerdì, quando erano state molestate – da un profugo ubriaco – delle operatrici del Centro.A quel punto sono scoppiati gli incidenti e gli operatori della struttura sono riusciti a fuggire da un’uscita di emergenza dopo aver intuito il pericolo che stavano correndo.

Il responsabile del centro di accoglienza: “Siamo scappati per evitare il peggio”

Al quotidiano Alto Adige, gli stessi volontari del centro profughi ammettono la loro impotenza. Il responsabile del Centro profughi spiega che «gli operatori sono usciti all’esterno e si sono messi in sicurezza in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine, come prevede il protocollo. Di sicuro al centro profughi la tensione inizia ad essere alta». C’erano operatori sia della Croce Rossa che della Croce Bianca, una decina in tutto, ma di fronte ad una rissa di queste dimensioni non hanno potuto che farsi da parte.